venerdì 16 gennaio 2009

La rubrica del Venerdì: seconda puntata

Pubblicato da Micha Soul a venerdì, gennaio 16, 2009
Eccoci giunti cari amici alla seconda puntata della mia rubrica musicale.

Nella scorsa puntata, mi sono dilungata nello spiegare le motivazioni che mi portavano a creare questa rubrica, a discapito aimé della presentazione dovuta di un'artista come Erikah Badu di cui vi ho proposto uno dei suoi brani più famosi.

Erikah Badu è una cantante genuina, un'artista seria e validissima nel suo stile, il soul. Ha meritatamente vinto svariati premi riguardanti il suo genere musicale ed è considerata ad oggi una delle regine del panorama musicale black. Meno commerciale, ma più apprezzata per le sue qualità artistiche, canore e di scrittura impegnata. E' anche riconosciuta per la sua apertura ad altri generi affini, quali jazz, d&b, e per il voler sperimentare sempre più ciò che oggi viene definito nu-soul.

Vi consiglio di andarvi a leggere la sua biografia (ben dettagliata) qui.

Fatelo vi prego! Un pò di cultura in quest'ambito non fa mai male!


Come già anticipato nella biografia, la Badu ha avuto una relazione importante, da cui è nata Seven, con un membro del conosciutissimo gruppo rap The Roots.


Probabilmente da questa relazione è nata la collaborazione che ha dato vita ad un brano favoloso e che spero abbiate già sentito da qualche parte (il ritornello cantato da Erikah è difficile da dimenticare) e che vi propongo quest'oggi.


Il brano è tratto dal quarto disco di questo gruppo rap-jazz-soul, che ben si discosta dall'immagine di quel tipo di rap da catene d'oro e "thig life". Un gruppo che prima di ogni altra cosa, ama la musica.


Il disco in questione, Things Fall Apart", uscito ne 1999, li porta ad avere un successo realmente globale: al cambio d'etichetta segue una distribuzione migliore ed il quarto disco dei Roots, trascinato soprattutto dal bellissimo singolo "You Got Me" (scritto con Jill Scott ma cantato da Erykah Badu), riesce a scalare le classifiche (specializzate e non) di mezzo mondo, portando il loro nome all'attenzione di tutti. Nonostante sia meno 'jazz' dei tre dischi precedenti "Things Fall Apart" conferma in pieno il cammino intrapreso tempo prima dalla band: abbondanti i riferimenti e gli omaggi alla musica nera, bellissimi i testi, superbo l'incedere musicale. Quasi a sigillo di una solida unità di base "Things Fall Apart" non viene meno alla bizzarra numerazione delle tracce presenti nei dischi dei Roots, segnalate nel corso del tempo come un'unica ed interminabile sequenza: nello specifico il loro quarto disco va dalla traccia 54 alla 70.
bibliografia:







________________________________________



La frase della settimana che vi propongo è tratta da un libro che la mia cara amica Lara mi ha fatto scoprire, intitolato "Le lacrime di Nietzsche", scitto da Yalom Irvin D.


"L’estremo isolamento non elimina affatto lo stress, è stress esso stesso: la solitudine è un terreno di coltura della malattia."

Quindi uscite, divertitevi, state in compagnia, amate e ridete.


Buon fine settimana amici miei!!


E che sia pieno di so(u)le!!

--------------------------------------------------

1 commenti on "La rubrica del Venerdì: seconda puntata"

Lara on 16 gennaio 2009 19:34 ha detto...

Che bella idea, cara Plugger, la rubrica musicale !!!!
Con un inizio poi, davvero ottimo.

Grazie anche per avermi "ricordata"
Ti abbraccio forte :)

Related Posts with Thumbnails
 

Love Plugs Copyright © 2009 Girl Music is Designed by Ipietoon Sponsored by Emocutez